CORSO ANTINCENDIO LIVELLO 1-2-3 (ex RISCHIO BASSO, MEDIO E ALTO)

Info Corso Antincendio a Genova

 

Formazione per addetti antincendio
ex D.M. 21/09/2021

Validità: 5 anni 

Corsi Completi (in aula + area prove):

 

1-FOR (antincendio rischio basso): 4 ore

2-FOR (antincendio rischio medio): 8 ore

3-FOR (antincendio rischio alto): 16 ore

Aggiornamento (in aula + area prove):

 

1-AGG (agg. antincendio rischio basso): 2 ore

2-AGG (agg. antincendio rischio medio): 5 ore

3-AGG (agg. antincendio rischio alto): 8 ore

Programma Corsi Antincendio 2024 a Genova:

🖈 Nel Campus prove in via Gualco 58 (link mappa)

1-FOR: ANTINCENDIO ex rischio basso 4h

  • 8 maggio 2024  11:00-13:00 e 14:00-16:00.
  • 17 giugno 2024  11:00-13:00 e 14:00-16:00.
  • 8 luglio 2024  11:00-13:00 e 14:00-16:00.

1-AGG: AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO ex rischio basso  2h

  • 27 maggio 2024 9:00-11:00.
  • 17 giugno 2024 9:00-11:00.
  • 26 luglio 2024 9:00-11:00.

2-FOR: ANTINCENDIO ex rischio medio 8h

  • 8 maggio 2024  9:00-13:00 e 14:00-18:00.
  • 17 giugno 2024  9:00-13:00 e 14:00-18:00.
  • 8 luglio 2024  9:00-13:00 e 14:00-18:00. 

2-AGG: AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO ex rischio medio 5h

  • 27 maggio 2024 11:00-13:00 e 14:00-17:00. 
  • 17 giugno 2024 11:00-13:00 e 14:00-17:00. 
  • 26 luglio 2024 11:00-13:00 e 14:00-17:00. 

3-FOR: ANTINCENDIO ex rischio elevato 16h

  • 26-27 febbraio 2024 9:00-13:00 e 14:00-18:00.
  • 13-14 marzo 2024 9:00-13:00 e 14:00-18:00.
  • 21-22 maggio 2024 9:00-13:00 e 14:00-18:00.

3-AGG: AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO ex rischio elevato 8h

  • 27 marzo 2024 9:00-13:00 e 14:00-18:00. 
  • 27 maggio 2024 9:00-13:00 e 14:00-18:00. 
  • 17 giugno 2024 9:00-13:00 e 14:00-18:00. 

L’Addetto Antincendio è il lavoratore incaricato di attuare le misure di prevenzione incendi, di lotta antincendio e di gestione delle emergenze. A individuare tali misure è il datore di lavoro sulla base della valutazione dei rischi ed è sempre lui a incaricare gli addetti al servizio antincendio, dotandoli degli opportuni mezzi di protezione e soprattutto garantendo loro una formazione specifica ai sensi dell’art. 18, comma 1, lettera b) del D.Lgs. 81/08.

Da qui l’obbligatorietà del corso antincendio per i lavoratori incaricati, secondo programmi e modalità oggetto di significative modifiche nel 2021. Il D.M. 21/09/21 ha infatti mandato in pensione l’ormai storico D.M. 10 marzo ’98, introducendo in sintesi l’obbligo di prova pratica per tutte le classi di rischio, nuovi parametri per l’abilitazione dei docenti, l’opzione webinar (videoconferenza sincrona) mentre scompare quella relativa alla modalità e-learning, nonché una nuova classificazione delle attività secondo nuovi criteri…

I corsi antincendio costituiscono un obbligo di legge in quanto mezzo necessario per istruire i lavoratori ad affrontare pericoli legati a incendi o esplosioni che possono verificarsi sul posto di lavoro. Data l’importanza della materia, sono stati recentemente introdotte nuove norme che sostituiscono e abrogano il D.M. 10/3/98, con il fine di regolamentare al meglio la gestione della sicurezza antincendio. In particolare, il D.M. 2/09/2021, che si esprime anche sul piano di emergenza introducendo l’obbligo di misure di gestione in esercizio e sulla nomina degli addetti al servizio antincendio, regolamenta la formazione dei lavoratori in materia. Il suddetto decreto infatti sottolinea l’obbligo di formazione, tramite appositi corsi antincendio, di tutti i lavoratori designati a far parte della squadra emergenze, che in quanto tali, dovranno comunque sostenere anche i corsi sulla sicurezza ex art. 37 D.Lgs. 81/08.

L'obbligo di nomina e formazione degli addetti antincendio

In materia di prevenzione antincendio, il datore di lavoro ha il dovere di rispettare specifici obblighi di legge, a seconda dei rischi presenti nella propria azienda. Nello specifico, il datore di lavoro ha l’obbligo di individuare:

  • i fattori di rischio aziendali, in base ai quali verranno poi pianificate le relative misure di prevenzione incendi, mediante un apposito Piano di Emergenza, contenente tutte le procedure che i lavoratori dovranno mettere in atto;
  • le misure per l’assistenza alle persone con esigenze speciali;
  • le disposizioni per richiedere l’intervento dei Vigili del fuoco.

Spetta sempre al Ddl, poi, la nomina degli addetti al servizio antincendio, ossia l’organizzazione della cosiddetta squadra di emergenza antincendio. Tali lavoratori nominati, ovvero i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, devono obbligatoriamente ricevere una formazione adeguata, tramite appositi corsi antincendio, come specificato nel recente decreto.

Pertanto, le misure di gestione della sicurezza antincendio, in esercizio e in emergenza, fanno capo al Ddl che, una volta calcolato il livello di rischio aziendale con una corretta valutazione dei rischi, dovrà garantire ai lavoratori la formazione adeguata al rischio cui l’azienda li espone.

corso-antincendio-rischio-alto-genova-3

Per la tua Formazione su Salute e Sicurezza sul Lavoro a Genova scegli GOOD WORK!

Preventivi Rapidi

Fornendoci i tuoi dati e comunicandoci le tue esigenze siamo in grado di inviarti un'offerta dedicata in pochissimo tempo!

Docenti abilitati ed esperti

Tutti i nostri docenti sono selezionati per competenza ed esperienza, oltre a essere in possesso di tutti i requisiti necessari alla docenza

Aule e Campo Prove attrezzati

Le nostre aule per la teoria e le aree attrezzate per le prove pratiche hanno tutto ciò che serve per tenere corsi completi ed efficaci

Piani formativi personalizzati

Per ogni lavoro la giusta formazione: elaboriamo programmi formativi pluriennali su misura per ogni tipo di esigenza

Assistenza costante

Il nostro team è sempre pronto a fornire al telefono o via email le risposte di cui potrai aver bisogno

Corso Antincendio: durata, programmi e modalità

I corsi antincendio variano a seconda delle specificità aziendali e, stando al D.M. 02/09/2021, si articolano in tre gruppi, relativi al livello di rischio presente sul luogo di lavoro. Nello specifico i livelli di rischio, che prima venivano indicati come basso, medio e alto, ora si dividono in Livello 1, Livello 2 e Livello 3.

Similmente, quindi, i relativi corsi antincendio saranno classificati nei medesimi livelli: 1-FOR, 2-FOR, 3-FOR e 1-AGG, 2-AGG e 3-AGG, rispettivamente per la formazione ex novo (FOR) e l’aggiornamento della stessa (AGG).

Durata e svolgimento dei corsi

Per quanto riguarda i corsi di formazione antincendio la durata prevista è la seguente:

  • 1-FOR: durata complessiva di 4 ore;
  • 2-FOR: durata complessiva di 8 ore;
  • 3-FOR: durata complessiva di 16 ore.

Tali corsi antincendio, essendo costituiti da una parte di esercitazioni pratiche, da svolgere in un’area appositamente attrezzata, non possono essere svolti in modalità e-learning ma solo ed esclusivamente in presenza. Infine, l’esame di fine corso sarà articolato in una prova scritta e una orale, con domande afferenti alle diverse tipologie di corsi antincendio.

corso-antincendio-formazione-addetti-a-genova-rischio-alto-medio-basso-2

Il programma dei corsi antincendio

1-FOR – ATTIVITÀ DI LIVELLO 1: DURATA 4 ORE

Corso di formazione per addetti antincendio in attività di livello 1 (ex rischio basso)

 

Modulo 1 – L’INCENDIO E LA PREVENZIONE (1 ORA)

  • Principi della combustione;
  • prodotti della combustione;
  • sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio;
  • effetti dell’incendio sull’uomo;
  • divieti e limitazioni di esercizio;
  • misure comportamentali.

Modulo 2 – PROTEZIONE ANTINCENDIO E PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO (1 ORA)

  • Principali misure di protezione antincendio;
  • evacuazione in caso di incendio;
  • chiamata dei soccorsi.

Modulo 3 – ESERCITAZIONI PRATICHE (2 ORE)

  • Presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili;
  • esercitazioni sull’uso degli estintori portatili;
  • presa visione del registro antincendio,
  • chiarimenti ed esercitazione riguardante l’attività di sorveglianza.

2-FOR – ATTIVITÀ DI LIVELLO 2: DURATA 8 ORE

Corso di formazione per addetti antincendio in attività di livello 2 (ex rischio medio)

 

Modulo 1 – L’INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI (2 ORE)

  • Principi sulla combustione e l’incendio:
  • le sostanze estinguenti;
  • il triangolo della combustione;
  • le principali cause di un incendio;
  • i rischi alle per le persone in caso di incendio;
  • i principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi.

Modulo 2 – STRATEGIA ANTINCENDIO prima parte (2 ORE)

Misure antincendio:

    • reazione al fuoco;
    • resistenza al fuoco;
    • compartimentazione,
    • esodo;
    • controllo dell’incendio;
    • rivelazione ed allarme;
    • controllo di fumi e calore;
    • operatività antincendio;
    • sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio.

Modulo 3 – STRATEGIA ANTINCENDIO (1 ORA)

Gestione della sicurezza antincendio in esercizio ed in emergenza, con approfondimenti su controlli e manutenzione e sulla pianificazione di emergenza.

Modulo 4 – ESERCITAZIONI PRATICHE (3 ORA)

  • Presa visione e chiarimenti sulle attrezzature ed impianti di controllo ed estinzione degli incendi più diffusi;
  • presa visione e chiarimenti sui dispositivi di protezione individuale;
  • esercitazioni sull’uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo di naspi e idranti;
  • presa visione del registro antincendio, chiarimenti ed esercitazione riguardante l’attività di sorveglianza.

3-FOR – ATTIVITÀ DI LIVELLO 3: DURATA 16 ORE

Corso di formazione per addetti antincendio in attività di livello 3 (ex rischio alto)

 

Modulo 1 – L’INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI (4 ORE)

  • Principi sulla combustione;
  • le principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro;
  • le sostanze estinguenti;
  • i rischi alle persone ed all’ambiente;
  • specifiche misure di prevenzione incendi; accorgimenti comportamentali per prevenire gli incendi;
  • l’importanza del controllo degli ambienti di lavoro;
  • l’importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio.

Modulo 2 – STRATEGIA ANTINCENDIO prima parte (4 ORE)

  • Le aree a rischio specifico. La protezione contro le esplosioni.

Misure antincendio parte 1:

  • reazione al fuoco;
  • resistenza al fuoco;
  • compartimentazione,
  • esodo;
  • rivelazione ed allarme;
  • controllo di fumo e calore.

Modulo 3 – STRATEGIA ANTINCENDIO seconda parte (4 ORE)

Misure antincendio parte 2:

  • controllo dell’incendio;
  • operatività antincendio;
  • gestione della sicurezza antincendio in esercizio e in emergenza.
  • controlli e la manutenzione.

Il piano di emergenza:

  • procedure di emergenza;
  • procedure di allarme;
  • procedure di evacuazione.

Modulo 4 – ESERCITAZIONI PRATICHE (4 ORE)

  • Presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature e impianti di controllo ed estinzione degli incendi;
  • presa visione sui dispositivi di protezione individuale (tra cui, maschere, autoprotettore, tute);
  • esercitazioni sull’uso delle attrezzature di controllo ed estinzione degli incendi.
  • presa visione del registro antincendio;
  • chiarimenti ed esercitazione riguardante l’attività di sorveglianza.

Aggiornamento del Corso Antincendio

Il decreto stabilisce, per tutti i corsi antincendio, una validità quinquennale, per cui, ciascun lavoratore obbligato per legge a frequentare tale corso di formazione, allo scadere dei cinque anni dal conseguimento dello stesso, dovrà necessariamente frequentare un corso di aggiornamento adeguato a poter considerare valida la propria qualifica. Ovviamente, il corso di aggiornamento è da scegliere con lo stesso criterio relativo al corso di formazione, ossia tenendo in considerazione il livello di rischio aziendale (Livello 1, 2 o 3).

Per quanto riguarda l’aggiornamento dei corsi antincendio la durata sarà la seguente:

  • 1-AGG: durata complessiva 2 ore, comprendente esclusivamente esercitazioni pratiche;
  • 2-AGG: durata complessiva 5 ore, di cui 2 ore di parte teorica e 3 ore per esercitazioni pratiche;
  • 3-AGG: durata complessiva 8 ore, di cui 5 ore di parte teorica e 3 ore per esercitazioni pratiche.

1-AGG – ATTIVITÀ DI LIVELLO 1: DURATA 2 ORE

Corso di aggiornamento per addetti antincendio in attività di livello 1 (ex rischio basso)

 

Modulo 1 – ESERCITAZIONI PRATICHE (2 ORE)

  • Presa visione delle misure di sorveglianza su impianti, attrezzature e sistemi di sicurezza antincendio;
  • chiarimenti sugli estintori portatili;
  • esercitazioni sull’uso degli estintori portatili
  • presa visione del registro antincendio e delle misure di sorveglianza su impianti, attrezzature e sistemi di sicurezza antincendio;
  • esercitazione riguardante l’attività di sorveglianza.

2-AGG – ATTIVITÀ DI LIVELLO 2: DURATA 5 ORE

Corso di aggiornamento per addetti antincendio in attività di livello 2 (ex rischio medio)

 

Modulo 1 – PARTE TEORICA (2 ORE)

I contenuti del corso di aggiornamento sono selezionati tra gli argomenti del corso di formazione iniziale e riguardano sia l’incendio e la prevenzione sia la protezione antincendio e le procedure da adottare in caso di incendio.

Modulo 2 – ESERCITAZIONI PRATICHE (3 ORE)

  • Presa visione del registro antincendio e delle misure di sorveglianza su impianti, attrezzature e sistemi di sicurezza antincendio;
  • esercitazione riguardante l’attività di sorveglianza;
  • chiarimenti sugli estintori portatili;
  • esercitazioni sull’uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo di naspi e idranti.

3-AGG – ATTIVITÀ DI LIVELLO 3: DURATA 8 ORE

Corso di aggiornamento per addetti antincendio in attività di livello 3 (ex rischio alto)

 

Modulo 1 – PARTE TEORICA (5 ORE)

I contenuti del corso di aggiornamento sono selezionati tra gli argomenti del corso di formazione iniziale e riguardano sia l’incendio e la prevenzione sia la protezione antincendio e le procedure da adottare in caso di incendio.

Modulo 2 – ESERCITAZIONI PRATICHE (3 ORE)

  • Presa visione del registro antincendio e delle misure di sorveglianza su impianti, attrezzature e sistemi di sicurezza antincendio;
  • esercitazione riguardante l’attività di sorveglianza;
  • chiarimenti sui mezzi di estinzione più diffusi;
  • presa visione e chiarimenti sui dispositivi di protezione individuale;
  • esercitazioni sull’uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo di naspi e idranti.

La nuova classificazione delle attività del D.M. 21/09/21

Clicca sui box sottostanti per espanderli e scoprire quali tipologie di attività rientrano nelle categorie della nuova classificazione a livelli.

Attività di livello 1

Rientrano in tale categoria di attività quelle non presenti nelle fattispecie indicate ai precedenti punti e dove, in generale, le sostanze presenti e le condizioni di esercizio offrono scarsa possibilità di sviluppo di focolai e ove non sussistono probabilità di propagazione delle fiamme.

Attività di livello 2

  1. i luoghi di lavoro compresi nell’allegato I al decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151, con esclusione delle attività di livello 3;
  2. i cantieri temporanei e mobili ove si detengono ed impiegano sostanze infiammabili e si fa uso di fiamme libere, esclusi quelli interamente all’aperto.

Attività di livello 3

  1. stabilimenti di “soglia inferiore” e di “soglia superiore” come definiti all’articolo 3, comma 1, lettere b) e c) del decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105;
  2. fabbriche e depositi di esplosivi;
  3. centrali termoelettriche;
  4. impianti di estrazione di oli minerali e gas combustibili;
  5. impianti e laboratori nucleari;
  6. depositi al chiuso di materiali combustibili aventi superficie superiore a 20.000 m2;
  7. attività commerciali ed espositive con superficie aperta al pubblico superiore a 10.000 m2;
  8. aerostazioni, stazioni ferroviarie, stazioni marittime con superficie coperta accessibile al pubblico superiore a 5.000 m2; metropolitane in tutto o in parte sotterranee;
  9. interporti con superficie superiore a 20.000 m2;
  10. alberghi con oltre 200 posti letto;
  11. strutture sanitarie che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero o residenziale a ciclo continuativo o diurno; case di riposo per anziani;
  12. scuole di ogni ordine e grado con oltre 1.000 persone presenti;
  13. uffici con oltre 1.000 persone presenti;
  14. cantieri temporanei o mobili in sotterraneo per la costruzione, manutenzione e riparazione di gallerie, caverne, pozzi ed opere simili di lunghezza superiore a 50 metri;
  15. cantieri temporanei o mobili ove si impiegano esplosivi;
  16. stabilimenti ed impianti che effettuano stoccaggio di rifiuti, ai sensi dell’articolo 183, comma 1, lettera aa) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nonché operazioni di trattamento di rifiuti, ai sensi dell’articolo 183, comma 1, lettera s) del medesimo decreto legislativo; sono esclusi i rifiuti inerti come definiti dall’articolo 2, comma 1, lettera e) del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36.

PARTECIPA ALLE PROSSIME EDIZIONI DEI NOSTRI CORSI ANTINCENDIO!

Scegli la tipologia relativa alla classe di rischio della Tua attività, controlla le date a calendario e acquista il corso in tutta comodità:

Idoneità tecnica antincendio Vvf

Solo per determinate tipologie di aziende, quelle riportate nell’allegato IV del D.M. 2/09/21, essendo il rischio incendio molto più elevato rispetto ad altri ambienti, è previsto passaggio aggiuntivo per svolgere a norma l’incarico di attuare le misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze in azienda: una volta ottenuto l’attestato di frequenza del corso antincendio presso un centro di formazione abilitato, è necessario sostenere un esame presso il Comando dei Vigili del Fuoco di riferimento per conseguire l’attestato di idoneità tecnica antincendio di cui all’articolo 3 del decreto-legge 1° ottobre 1996, n. 512, un’abilitazione valida su tutto il territorio nazionale.

Per soddisfare al meglio le esigenze dei Clienti, Good Work è in costante contatto con l’Ufficio Formazione del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Genova per gestire dal punto di vista organizzativo e burocratico gli esami per l’idoneità tecnica degli addetti antincendio da noi formati, accertamenti che si svolgono direttamente nella sede centrale di via Albertazzi 2 (San Benigno).

L’esame per l’idoneità tecnica consiste in:

  • una prova scritta: compilazione di un questionario a risposta multipla (n. 15 domande in 30 minuti);
  • una prova orale vertente sugli argomenti trattati nel corso di formazione, con particolare riferimento a quelli sui quali il candidato, nella prova scritta, ha dimostrato una non completa conoscenza;
  • una prova pratica che prevede, tra l’altro, lo spegnimento di un fuoco con estintore portatile e in alcune prove stabilite dalla Commissione relative alla conoscenza sull’uso di naspi e idranti.

N.B. Poiché il Comando VVf di Genova gestisce un’ingente quantità di esami per l’idoneità tecnica ogni mese, si consiglia alle Aziende Clienti di esplicitare le proprie esigenze in merito con largo anticipo al fine di poter richiedere una o più date all’Uff. formazione Vvf il prima possibile. Grazie.

N.B.2: Per volontà dello stesso Comando Vvf di Genova, si specifica che per i soggetti privati che conseguono l’attestato di addetto antincendio a rischio elevato (3-FOR), non è possibile richiedere l’idoneità tecnica ai Vigili del Fuoco per motivi assicurativi.

Luoghi di lavoro dove è prevista l’idoneità tecnica Vvf

  1. stabilimenti di “soglia inferiore” e di “soglia superiore” come definiti all’articolo 3, comma 1, lettere b) e c) del decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105;
  2. fabbriche e depositi di esplosivi;
  3. centrali termoelettriche;
  4. impianti di estrazione di oli minerali e gas combustibili;
  5. impianti e laboratori nucleari;
  6. depositi al chiuso di materiali combustibili aventi superficie superiore a 10.000 m²;
  7. attività commerciali e/o espositive con superficie aperta al pubblico superiore a 5.000 m²;
  8. aerostazioni, stazioni ferroviarie, stazioni marittime con superficie coperta accessibile al pubblico superiore a 5.000 m²; metropolitane in tutto o in parte sotterranee;
  9. interporti con superficie superiore a 20.000 m²;
  10. alberghi con oltre 100 posti letto; campeggi, villaggi turistici e simili con capacità ricettiva superiore a 400 persone;
  11. strutture sanitarie che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero o residenziale a ciclo continuativo o diurno; case di riposo per anziani;
  12. scuole di ogni ordine e grado con oltre 300 persone presenti;
  13. uffici con oltre 500 persone presenti;
  14. locali di spettacolo e trattenimento con capienza superiore a 100 posti;
  15. edifici sottoposti a tutela ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, aperti al pubblico, destinati a contenere biblioteche ed archivi, musei, gallerie, esposizioni e mostre con superficie aperta a pubblico superiore a 1.000 m²;
  16. cantieri temporanei o mobili in sotterraneo per la costruzione, manutenzione e riparazione di gallerie, caverne, pozzi e opere simili di lunghezza superiore a 50 metri;
  17. cantieri temporanei o mobili ove si impiegano esplosivi;
  18. stabilimenti ed impianti che effettuano stoccaggio di rifiuti, ai sensi dell’articolo 183, comma 1, lettera aa) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nonché operazioni di trattamento di rifiuti, ai sensi dell’articolo 183, comma 1) del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36.

ENTRIAMO IN CONTATTO!

Email: info@good-work.it

Telefono: +39 010 267991

Per info sui nostri servizi, preventivi, collaborazioni e quant’altro: telefona, scrivi una mail o invia un messaggio compilando il modulo qui di seguito: saremo lieti di rispondere con grande rapidità!

I nostri uffici in via Molo Giano sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00: passa a trovarci!









CALENDARIO CORSI

Consulta il nostro calendario formativo nella pagina dedicata, scegli l’edizione in base alle tue necessità  e acquista il corso online nel nostro shop!

calendario-corsi-sicurezza-genova

I NOSTRI SERVIZI PREMIUM

Good Work e i propri partner ti offrono un ampio bouquet di servizi per rispondere a ogni esigenza di adempimento di legge in fatto di salute e sicurezza sul lavoro: non esitare a richiederci informazioni!